Parrucca 730 scarica


  1. Sconto capelli intrecciati dei capelli del bambino
  2. Chemioterapia: detrazioni fiscali per le parrucche
  3. I più letti
  4. Parrucche per Chemioterapia e Detraibilità Fiscale

Detraibilità parrucca per i malati oncologici con alopecia da trattamento . Si può scaricare il modulo di richiesta del rimborso a questo link. 14 Mag - Con la compilazione del modello / è possibile l' acquisto di una parrucca è detraibile se volta a sopperire un danno. Chi fa una chemioterapia può detrarre le spese per l'acquisto della parrucca al momento della dichiarazione dei redditi: scopri come fare. Le parrucche dopo trattamenti chemioterapici sono detraibili e necessitano di importo andrà nella dichiarazione del prossimo anno (modello /).

Nome: parrucca 730 scarica
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 57.63 Megabytes

Cosa succede e come devono comportarsi coloro che non sono riusciti a rispettare questa scadenza? Con il Decreto Crescita, approvato a Giugno , il termine ordinario di trasmissione è stato spostato dal 31 Ottobre al 30 Novembre. Leggi il nostro ultimo articolo per conoscere le differenze tra Modello Redditi e ! Il Modello Redditi PF è dunque la seconda chance offerta a tutti i contribuenti che non sono riusciti a trasmettere entro i tempi stabiliti il Modello Se nel modello sono presenti errori di compilazione o di calcolo che non permettono di usufruire di alcuni oneri deducibili o detraibili è necessario rivolgersi al CAF per compilare un modello integrativo.

Guida alle interazioni tra farmaci - Cardiologia. Guida integratori de l'Informatore Farmaceutico Come diventare titolari di Farmacia Pacenti G. Healthcare Marketing Pacenti G. La farmacia online Schramm A. L'industria delle Medicine Zirulia G. Storia della Farmacia Signore GC. Iscriviti a Farmacista 33 avrai in anteprima le notizie del giorno. Sono deducibili anche i contributi previdenziali, pari al 13 per cento del valore nominale del voucher c.

Sconto capelli intrecciati dei capelli del bambino

I contributi sono deducibili, per la parte rimasta a carico del datore di lavoro, fino ad un importo massimo di euro 1. Sono deducibili dal reddito complessivo le erogazioni liberali in denaro a favore delle seguenti istituzioni religiose:. La deduzione non spetta per le erogazioni effettuate in contanti tranne che per quelle in favore della Chiesa Evangelica Valdese.

Le medesime precisazioni fornite per le erogazioni liberali a favore della Tavola Valdese devono ritenersi valide anche per le erogazioni liberali effettuate a favore:. Sono interamente deducibili dal reddito complessivo le spese mediche generiche prestazioni rese da un medico generico, acquisto di medicinali e di assistenza specifica sostenute dai disabili nei casi di grave e permanente invalidità o menomazione.

Per i soggetti riconosciuti portatori di handicap ai sensi della legge n. Tra le spese sanitarie deducibili rientrano anche quelle relative ad una persona deceduta, se sostenute dagli eredi dopo il suo decesso.

Se le spese sono state sostenute da più eredi, ognuno di essi beneficerà della deduzione sulla quota di spesa effettivamente sostenuta.

Sono deducibili le spese mediche generiche medicinali, prestazioni mediche generiche, ecc. Ai fini della deduzione, il contribuente deve essere in possesso di un documento di certificazione del corrispettivo, rilasciato dal professionista sanitario, dal quale risulti la figura professionale che ha reso la prestazione e la descrizione della prestazione sanitaria resa Circolare 1.

Sono deducibili anche le spese sostenute per le attività cosiddette di ippoterapia e musicoterapia a condizione che le stesse vengano prescritte da un medico che ne attesti la necessità per la cura del portatore di handicap e siano eseguite in centri specializzati direttamente da personale medico o sanitario specializzato psicoterapeuta, fisioterapista, psicologo, terapista della riabilitazione, ecc.

Tali spese vanno pertanto indicate nel Rigo E1. Tali spese vanno pertanto indicate nel Rigo E1;. Il Ministero della Salute, interpellato sulla questione, ha precisato che tale attività, di natura essenzialmente pedagogica e posta in essere da operatori non sanitari, pur se qualificati nel sostegno didattico — educativo, è priva di connotazione sanitaria. Le spese mediche generiche e di assistenza specifica sono interamente deducibili dal reddito complessivo anche se sono sostenute dai familiari dei disabili e anche se questi non sono fiscalmente a carico.

Gli ambiti di intervento comprendono inoltre art. Alla determinazione della somma massima deducibile concorrono anche:. La deduzione spetta anche se la spesa è stata sostenuta per le persone fiscalmente a carico per la sola parte non dedotta da queste ultime.

Sono deducibili, nel limite del 2 per cento del reddito complessivo in cui va ricompreso il reddito dei fabbricati assoggettato a cedolare secca , le erogazioni liberali effettuate nei confronti delle Organizzazioni non governative riconosciute idonee alla cooperazione con i Paesi in via di sviluppo.

La deduzione non spetta per le erogazioni effettuate in contanti. Sono deducibili nei limiti del 10 per cento del reddito complessivo incluso il reddito dei fabbricati assoggettato a cedolare secca e, comunque, nella misura massima di euro In ogni caso, il donante avrà cura di acquisire, a comprova delle effettività della donazione e della congruità del valore attribuito al bene oggetto della donazione in natura, in aggiunta alla documentazione attestante il valore normale come sopra determinato listini, tariffari o mercuriali, perizia, ecc.

Se, invece, il versamento costituisce corrispettivo per il trasporto, il relativo ammontare è detraibile quale spesa sanitaria e la ONLUS deve rilasciare regolare fattura Circolare Sono deducibili anche le erogazioni liberali effettuate a favore delle Aziende Ospedaliere Universitarie, in forza della loro partecipazione alla realizzazione delle finalità istituzionali delle università, e quelle effettuate a favore degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico IRCCS , sia pubblici che privati Risoluzione 7.

In merito ai fondi speciali, è previsto che questi siano composti da beni sottoposti a vincolo di destinazione e disciplinati con contratto di affidamento fiduciario anche a favore di ONLUS riconosciute come persone giuridiche che operano prevalentemente nel settore della beneficenza. Possono versare i contributi di assistenza sanitaria anche i pensionati ex lavoratori dipendenti se tali casse consentono agli ex lavoratori di rimanervi iscritti anche dopo la cessazione del rapporto di lavoro, continuando a corrispondere in proprio il contributo previsto senza alcun onere a carico del datore di lavoro.

Ai sensi del citato articolo 51, comma 2, lett. La deduzione spetta per un importo complessivo non superiore a euro 3. La deduzione dei contributi erogati ai consorzi obbligatori non è invece ammessa per gli immobili ad uso abitativo locati con opzione per la cedolare secca Risoluzione 4.

Tra gli oneri da indicare con il codice 21 rientrano anche le somme che non avrebbero dovuto concorrere a formare il reddito di lavoro dipendente e assimilato e che invece sono state erroneamente assoggettate a tassazione. Il comma 4 del predetto art. Sono, pertanto, deducibili dal reddito complessivo i contributi versati alle forme pensionistiche complementari su base contrattuale collettiva fondi negoziali residenti nel territorio dello Stato ed i contributi e premi versati alle forme pensionistiche individuali.

Il limite di deducibilità è ordinariamente di euro 5. Nel caso in cui abbia aderito a più di un fondo pensione versando contributi per i quali è applicabile un diverso limite di deducibilità, deve compilare più di un rigo.

In caso di contributi per previdenza complementare risultanti sia dalla CU che da diversa documentazione presentata dal contribuente in sede di dichiarazione dei redditi, il CAF deve informarlo correttamente circa i presupposti che legittimano la deduzione e il contribuente deve annotare sul documento di spesa che la stessa non è stata esclusa dal reddito di lavoro dipendente Circolare I contributi versati dal contribuente e dal datore di lavoro alle forme pensionistiche complementari, relative sia ai fondi negoziali che alle forme pensionistiche individuali, sono deducibili nel suddetto limite di 5.

Se tali lavoratori nei primi 5 anni di partecipazione ad una forma di previdenza complementare hanno effettuato versamenti per un importo inferiore al limite di 5. In particolare, tali soggetti possono dedurre i contributi eccedenti il limite massimo di euro 5. I soggetti iscritti alle forme pensionistiche per le quali è stato accertato lo squilibrio finanziario e approvato il piano di riequilibrio da parte del Ministero del lavoro e della previdenza sociale possono dedurre interamente i contributi versati.

Se la persona a favore della quale sono stati versati i contributi di previdenza complementare è a carico di più soggetti, si applica la regola generale in base alla quale il beneficio fiscale spetta al soggetto cui è intestato il documento comprovante la spesa.

Nel caso in cui il documento sia intestato al familiare a carico, è possibile annotare sul documento stesso la percentuale di spesa imputabile a ciascuno degli aventi diritto Circolare Se tali contributi sono stati versati tramite il datore di lavoro, e quindi è compilato il punto della CU , occorre verificare che:. Una precisa deroga viene prevista in merito alla disciplina sulla deducibilità dei contributi versati dai dipendenti pubblici ai fondi di previdenza negoziale ad esempio, Fondo Scuola Espero disponendo che tali contributi siano assoggettati alla disciplina prevista fino al 31 dicembre Anche nel caso di lavoratori di prima occupazione dipendenti di una pubblica amministrazione, iscritti a forme pensionistiche di natura negoziale di cui sono destinatari, occorre compilare il rigo E31 poiché, in tal caso, continuano ad applicarsi le disposizioni vigenti al 31 dicembre Circolare 4.

La deduzione spetta se si verificano tutte le seguenti condizioni art. Nel caso di acquisto avvenuto prima del 3 dicembre data di pubblicazione del decreto attuativo , il termine dei sei mesi decorre da tale data. Il diritto alla deduzione, inoltre, non viene meno se, per motivi non imputabili al locatore, il contratto di locazione si risolve prima di otto anni e ne viene stipulato un altro entro un anno dalla data della risoluzione del precedente contratto.

Tale previsione, diversamente da quanto avviene per la detrazione per le spese sostenute per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, non è derogabile nemmeno in caso di accordo tra le parti DI 8 settembre , art. Pertanto, per le spese sostenute, anche se relative a diversi immobili, il contribuente non potrà portare in deduzione complessivamente più di euro Per ogni immobile la deduzione massima spettante è pari a euro La quota di interessi deducibile dovrà poi essere suddivisa tra gli intestatari del mutuo, ciascuno per la propria quota parte.

Al fine della determinazione del limite di euro La deduzione non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste da altre disposizioni di legge per le medesime spese. In applicazione del criterio di cassa, la detrazione spetta nel periodo in cui le spese sono sostenute. La detrazione spetta ai soggetti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, gli immobili oggetto degli interventi, a condizione che ne sostengano le relative spese.

Tali soggetti sono:. La data di inizio dei lavori deve essere comprovata dai titoli abilitativi, se previsti, ovvero da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà effettuata nei modi e nei termini previsti dal DPR n. Questi ultimi possono fruire della detrazione dal momento di accettazione della domanda di assegnazione da parte del Consiglio di Amministrazione, anche se il verbale di assegnazione non è sottoposto a registrazione.

Per fruire della detrazione non è necessario che i familiari abbiano sottoscritto un contratto di comodato essendo sufficiente che attestino, mediante una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, di essere familiari conviventi Circolare Lo status di convivenza deve sussistere già al momento in cui si attiva la procedura ovvero, come sopra detto per i detentori, alla data di inizio dei lavori Risoluzione 6. La detrazione spetta al familiare per i costi sostenuti per gli interventi effettuati su una qualsiasi delle abitazioni in cui si esplica la convivenza, purché tale immobile risulti a disposizione.

La detrazione non compete, quindi, per le spese riferite ad immobili a disposizione di altri familiari ad esempio, il marito non potrà fruire della detrazione per le spese di ristrutturazione di un immobile di proprietà della moglie dato in comodato alla figlia o di terzi.

Il convivente more uxorio che sostenga le spese di recupero del patrimonio edilizio, nel rispetto delle condizioni previste dal richiamato art. Condominio Il condominio negli edifici, disciplinato dagli artt. Qualora un intero edificio sia posseduto da un unico proprietario e siano comunque in esso rinvenibili parti comuni a due o più unità immobiliari distintamente accatastate, tale soggetto ha diritto alla detrazione per le spese relative agli interventi realizzati sulle suddette parti comuni.

In tal caso, neppure gli altri eredi figli potranno beneficiare della detrazione se non convivono con il coniuge superstite in quanto non hanno la detenzione materiale del bene. Tuttavia, al termine del contratto di locazione o di comodato, potrà beneficiare delle eventuali rate residue di competenza Circolare In linea generale, la detrazione non si trasferisce agli eredi del comodatario in quanto non subentrano nel contratto.

Per usufruire della detrazione, il contribuente deve aver eseguito gli adempimenti previsti ed essere in possesso della relativa documentazione. Per fruire della detrazione è necessario che le spese siano pagate esclusivamente mediante bonifico dal quale risulti:.

Il bonifico postale è assimilato a quello bancario ed è quindi da considerarsi valido Circolare Il contribuente potrà fruire della detrazione anche nel caso in cui il pagamento delle spese sia materialmente effettuato dalla società finanziaria che gli ha concesso un finanziamento, a condizione che questa paghi il corrispettivo al soggetto fornitore con un bonifico bancario o postale recante tutti i dati previsti causale del versamento con indicazione degli estremi della norma agevolativa, codice fiscale del soggetto per conto del quale è eseguito il pagamento e numero di partita IVA del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato in modo da consentire alle banche o a Poste Italiane SPA di operare la ritenuta e sempreché il contribuente abbia copia della ricevuta del bonifico.

Tale comunicazione, inviata con raccomandata A. Al fine di individuare il soggetto avente diritto alla detrazione, si riporta di seguito uno schema esemplificativo delle possibili situazioni che potrebbero verificarsi.

Analoghe considerazioni valgono per tutti i soggetti aventi un titolo idoneo ai fini della detrazione ad esempio, comodatario, familiare convivente, convivente more uxorio, ecc.

La soppressione opera sia per le fatture emesse nel che per quelle emesse negli anni precedenti Circolare 1. Questi maggiori benefici sono stati più volte prorogati fino, da ultimo, al 31 dicembre legge n. Si sintetizzano di seguito i limiti di spesa e le percentuali di detrazione applicabili a decorrere dal Il contribuente che, fino al 25 giugno , aveva sostenuto spese per euro Il limite di spesa ammesso alla detrazione è annuale e riguarda il singolo immobile Circolare Questo ulteriore vincolo non si applica agli interventi autonomi, ossia non di mera prosecuzione, fermo restando che, per gli interventi autonomi effettuati nel medesimo anno sullo stesso immobile, deve essere rispettato il limite annuale di spesa ammissibile.

In caso di erogazione di contributi, sovvenzioni, ecc. Pertanto, nel caso in cui vengano effettuati dal medesimo contribuente, anche nello stesso edificio, sia lavori condominiali che lavori sul proprio appartamento la detrazione spetta nei limiti di spesa precedentemente riportati, applicabili disgiuntamente per ciascun intervento Risoluzione 3.

Circolare Pertanto, nel caso in cui gli interventi realizzati rientrino sia nelle agevolazioni previste per la riqualificazione energetica che in quelle previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, il contribuente potrà fruire, per le medesime spese, soltanto di uno dei due benefici, rispettando gli adempimenti specificamente previsti in relazione a ciascuno di essi Circolare Le agevolazioni previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, per espressa previsione normativa art.

Quindi, su tali spese, la detrazione nella misura del 19 per cento, ai sensi del citato art. Sono esclusi gli edifici a destinazione produttiva, commerciale e direzionale. In caso di interventi realizzati sulle parti comuni di un edificio, le relative spese possono essere considerate, ai fini del calcolo della detrazione, soltanto se riguardano un edificio residenziale considerato nella sua interezza.

Se tale percentuale risulta inferiore, è comunque ammessa la detrazione per le spese realizzate sulle parti comuni da parte dei possessori o detentori di unità immobiliari destinate ad abitazione comprese nel medesimo edificio Circolare La detrazione per gli interventi realizzati sulle parti comuni spetta anche ai proprietari di soli box o cantine.

Gli interventi devono essere eseguiti su edifici esistenti e non devono realizzare una nuova costruzione Circolare Gli interventi di manutenzione ordinaria sono quelli che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti.

Tali interventi riguardano le opere di rinnovo o di sostituzione degli elementi esistenti, di finitura degli edifici nonché tutti gli interventi necessari per mantenere in efficienza gli impianti tecnologici, con materiali e finiture analoghi a quelli esistenti Circolare A titolo esemplificativo, sono ricompresi nella manutenzione straordinaria i seguenti interventi:.

Gli interventi di ristrutturazione edilizia sono quelli volti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Attraverso gli interventi di ristrutturazione edilizia è possibile aumentare la superficie utile, ma non il volume preesistente.

Tali criteri sono applicabili anche agli interventi di ampliamento previsti in attuazione del Piano Casa Risoluzione 4. La detrazione è riconosciuta Circolare Acquistando contemporaneamente casa e box, la detrazione spetta limitatamente alle spese di realizzazione del box pertinenziale, il cui ammontare deve essere specificamente documentato Circolare In caso di assegnazione di alloggi e di box auto pertinenziali da parte di cooperative edilizie di abitazione, la detrazione spetta anche per gli acconti pagati con bonifico dal momento di accettazione della domanda di assegnazione da parte del Consiglio di Amministrazione.

Per usufruire della detrazione, il proprietario deve essere in possesso della seguente documentazione Risoluzione Analogo criterio si applica anche al convivente more uxorio. Con Circolare Solo per la peculiare ipotesi di acquisto di box pertinenziale ad un immobile abitativo è possibile fruire della detrazione anche se il pagamento è effettuato con mezzi diversi dal bonifico, nel presupposto che tale pagamento avviene in presenza del notaio.

Gli interventi che non presentano le caratteristiche tecniche previste dal DM n.

Chemioterapia: detrazioni fiscali per le parrucche

Tale ultima detrazione spetta sulla quota di spesa eccedente il limite di La detrazione compete unicamente per le spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili mentre non spetta per le spese sostenute in relazione al semplice acquisto di strumenti, anche se diretti a favorire la comunicazione e la mobilità interna ed esterna.

Lavori, su singole unità immobiliari e su parti comuni, finalizzati alla prevenzione del rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi. Poiché la detrazione è applicabile unicamente alle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili, non vi rientra il contratto stipulato con un istituto di vigilanza Circolare 6. Le opere finalizzate alla cablatura degli edifici sono quelle previste dalla legge n. Ai fini delle agevolazioni fiscali, la tipologia di intervento ammissibile è limitata al caso di lavori, in edifici esistenti, che interconnettano tutte le unità immobiliari residenziali.

Tali opere possono essere realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, acquisendo idonea documentazione come, ad esempio, la scheda tecnica del produttore attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente in materia Circolare Tali interventi devono essere realizzati sulle parti strutturali degli edifici o complessi di edifici collegati strutturalmente e comprendere interi edifici e, ove riguardino i centri storici, devono essere eseguiti sulla base di progetti unitari e non su singole unità immobiliari.

La detrazione in misura più favorevole spetta a condizione che le procedure di autorizzazione siano avviate a decorrere dal 4 agosto Per costruzioni adibite ad attività produttive si intendono le unita immobiliari in cui si svolgono attività agricole, professionali, produttive di beni e servizi, commerciali o non commerciali.

Per le spese sostenute fino al 31 dicembre la detrazione è pari al 50 per cento se gli interventi riguardavano altre altre unità immobiliari residenziali, anche a uso promiscuo. La detrazione spetta nella misura del 50 per cento, nel limite di spesa di Tra le spese detraibili rientrano anche quelle effettuate per la classificazione e la verifica sismica degli immobili.

In caso di effettuazione sul medesimo edificio di interventi di natura diversa ad esempio, interventi antisismici e di manutenzione straordinaria, il limite di spesa agevolabile è unico euro Se gli interventi antisismici sono realizzati sulle parti comuni di edifici condominiali, la detrazione spetta nelle seguenti misure:.

La detrazione si applica su un ammontare delle spese non superiore a Non è possibile, invece, cederlo a istituti di credito, intermediari finanziari e amministrazioni pubbliche. Gli acquirenti delle unità immobiliari possono cedere, in luogo della detrazione, il corrispondente credito alle imprese che hanno effettuato i lavori o ad altri soggetti privati.

Non è possibile effettuare la cessione nei confronti di istituti di credito e intermediari finanziari. Gli interventi di bonifica costituiscono una categoria a parte che risulta agevolabile indipendentemente dalla categoria edilizia in cui gli interventi stessi rientrano.

Lavori, su singole unità immobiliari e su parti comuni, finalizzati alla prevenzione degli infortuni domestici. A titolo esemplificativo, tra le opere agevolabili rientrano Circolare Non dà, invece, diritto alla detrazione il semplice acquisto, anche a fini sostitutivi, di apparecchiature o elettrodomestici dotati di meccanismi di sicurezza in quanto tale fattispecie non integra un intervento sugli immobili.

Lavori, su singole unità immobiliari e su parti comuni, finalizzati alla messa a norma degli edifici. La normativa regolamentare di riferimento, nel caso degli impianti tecnologici, è quella prevista dal DPR n. Sono quindi compresi tutti gli interventi effettuati e debitamente dotati di certificato di conformità rilasciato da soggetti abilitati, anche se di entità minima ed indipendentemente dalla categoria di intervento edilizio Circolare Non sono agevolabili i costi di trasloco e di custodia in magazzino dei mobili per tutto il periodo di esecuzione dei lavori Circolare 24 febbraio n.

Questo caso comporta la decadenza dai benefici fiscali in quanto si tratta di opere non sanabili ai sensi della vigente normativa Circolare La detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio spetta anche nel caso di acquisto di unità immobiliari ubicate in fabbricati sui quali sono stati effettuati interventi di restauro e risanamento conservativo o di ristrutturazione edilizia.

In passato, infatti, la cessione doveva avvenire entro sei mesi dalla data del termine dei lavori, se questi erano stati ultimati dopo il 31 dicembre Il limite massimo di spesa agevolabile, da ripartire tra gli acquirenti è pari a euro Nel caso in cui con il medesimo atto vengano acquistate due unità immobiliari di tipo residenziale, il limite massimo di spesa va riferito ad ogni singolo immobile Circolare Nella dichiarazione relativa a tale anno il contribuente fruirà della detrazione a partire dalla prima rata indicando quale anno di sostenimento della spesa quello di fine lavori.

Se gli acconti sono pagati in un anno diverso da quello in cui è stipulato il rogito, il contribuente ha la possibilità di far valere la detrazione degli importi versati in acconto o nel periodo di imposta in cui questi sono stati pagati o nel periodo di imposta in cui ha stipulato il rogito Circolare Nel caso di acquisto di nuda proprietà e di contestuale costituzione del diritto di usufrutto, occorre ripartire la detrazione in proporzione al valore dei due diritti reali Circolare Per usufruire della detrazione il contribuente deve essere, invece, in possesso della seguente documentazione:.

In assenza di amministratore, sarà necessario visionare tutta la documentazione inerente la spesa sostenuta. In assenza di amministratore, sarà necessario visionare tutta la documentazione inerente la spesa sostenuta Immobile acquisito in eredità — Autocertificazione dalla quale risulti la detenzione materiale e diretta del bene- Autocertificazione con la quale si attesta la condizione di erede -Abilitazioni amministrative dalle quali si evince la tipologia dei lavori e la data di inizio dei lavori o, in assenza, autocertificazione che attesti la data di inizio e la detraibilità delle spese sostenute.

III C. Rientrano in tale categoria, ad esempio:. Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni ad esempio, il parquet , di tende e tendaggi nonché di altri complementi di arredo. A seguito della relativa abrogazione da parte del d. La detrazione è calcolata su un importo massimo di euro Al contribuente che esegue gli interventi su più unità immobiliari il diritto alla detrazione è riconosciuto più volte. Per gli acquisti di mobili e grandi elettrodomestici effettuati nel , invece, si deve tener conto, ai fini della verifica del limite di spesa di euro La detrazione va ripartita tra gli aventi diritto ed è fruita in dieci quote annuali di pari importo.

Attualmente, non è più necessario utilizzare il bonifico appositamente predisposto da banche e Poste Italiane SPA per le spese di recupero del patrimonio edilizio bonifico soggetto a ritenuta ma è sufficiente un semplice bonifico bancario o postale.

La detrazione è ammessa anche nel caso di mobili e grandi elettrodomestici acquistati con il finanziamento a rate a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le medesime modalità sopra indicate e il contribuente abbia copia della ricevuta del pagamento. Il contribuente avrà diritto:. Il decreto 8 settembre , nel definire le modalità di attuazione della predetta deduzione, stabilisce, infatti, che la stessa non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste da altre disposizioni di legge per le medesime spese.

La detrazione, originariamente spettante per le spese sostenute nel , è stata prorogata da ultimo al 31 dicembre ovvero, per quelle relative ad interventi effettuati sulle parti comuni degli edifici, al 31 dicembre In particolare, per tali interventi condominiali la detrazione, da ripartire sempre in 10 rate annuali di pari importo, spetta nella misura del:.

Analogamente a quanto precisato con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio anche ai fini della detrazione delle spese per interventi di riqualificazione energetica, qualora un intero edificio sia posseduto da un unico proprietario e siano comunque in esso rinvenibili parti comuni a due o più unità immobiliari distintamente accatastate, detto soggetto ha diritto alla detrazione per le spese relative agli interventi realizzati sulle suddette parti comuni.

Sono ammessi alla detrazione i soggetti, residenti e non residenti, titolari di qualsiasi tipologia di reddito. I chiarimenti forniti in relazione ai soggetti aventi diritto alla detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio sono riferibili, in via generale, anche ai soggetti aventi diritto alla detrazione per interventi di riqualificazione energetica.

Per questi ultimi, tuttavia, si rendono necessarie le seguenti ulteriori precisazioni. In tal caso:. I soggetti c. Tale possibilità era riconosciuta con riferimento agli interventi di riqualificazione energetica riguardanti parti condominiali per le spese sostenute nel Circolare La cessione riguarda anche le maggiori detrazioni del 70 e 75 per cento;. La cessione riguarda, tuttavia, solo la detrazione spettante per interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali, per i quali si ha diritto alle maggiori detrazioni del 70 e 75 per cento.

Successivamente, il DL n. In alcune peculiari ipotesi di cui il contribuente deve dare conto, è possibile fare riferimento alla nozione di edificio fornita dal DLGS n.

A decorrere dal art.

I più letti

Rientrano in questo tipo di intervento, a titolo esemplificativo, la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore anche non a condensazione, pompe di calore, scambiatori per teleriscaldamento, caldaie a biomasse, impianti di cogenerazione, rigenerazione, impianti geotermici e gli interventi di coibentazione che possono non avere le caratteristiche richieste per la loro inclusione negli interventi descritti ai punti successivi.

Per questa tipologia di intervento non viene specificato quali opere o quali impianti occorre realizzare per raggiungere le prestazioni energetiche indicate. Data la numerosità delle fattispecie che possono essere agevolate ai sensi del comma , è possibile che il medesimo intervento rispetti i requisiti richiesti per beneficiare della detrazione per risparmio energetico disposta dagli altri commi.

Poiché il beneficio è teso ad agevolare gli interventi da cui consegua un risparmio energetico, non è agevolabile la semplice sostituzione degli infissi o il rifacimento delle pareti, qualora questi siano originariamente già conformi agli indici di trasmittanza termica richiesti, ma viceversa è da ritenersi agevolabile, se a seguito dei lavori, tali indici si riducono ulteriormente Circolare Per il pavimento in legno posato al piano terra c.

Parrucche per Chemioterapia e Detraibilità Fiscale

Per gli interventi riguardanti le strutture opache verticali pareti e orizzontali coperture e pavimenti , la detrazione spetta per le seguenti spese:. Per gli interventi riguardanti le finestre comprensive di infissi, la detrazione compete per le spese relative ad interventi che determinano:. Non sono ammessi alla detrazione i pannelli solari per i quali siano prodotte certificazioni di qualità diverse da quelle espressamente previste dal DI 19 febbraio Risoluzione Per gli interventi riguardanti i pannelli solari per la produzione di acqua calda, la detrazione spetta per le spese sostenute per:.

La fruizione della detrazione è limitata ai soli casi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale e non anche a quelli di integrazione degli stessi Risoluzione 1. Per gli interventi riguardanti la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, la detrazione spetta per:.

A titolo di esempio, rientrano tra tali spese quelle sostenute per la demolizione del pavimento, del massetto sottostante e quelle relative alla successiva posa in opera del nuovo pavimento se connesse alla realizzazione di un impianto radiante a pavimento. Per gli interventi riguardanti le schermature solari, la detrazione spetta per le spese sostenute per:. Sono, in ogni caso, comprese tra le spese detraibili anche quelle relative alle prestazioni professionali che si rendessero necessarie.

Commento Nome Email obbligatoria se vuoi ricevere le notifiche Notify me via e-mail if anyone answers my comment.

Informativa sulla privacy. Anno tutti ; Scegli fonte Codice della strada Codice civile Codice penale Codice proc. Prenota un appuntamento presso uno studio di LLpT.

Hai bisogno di una consulenza? Contattaci subito Oppure iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.