Mister pin batteria scarica


  1. Batteria Sony 18650 VTC5 30A 3.7v 2600mah senza pin
  2. Account Options
  3. SONY Batteria VTC5A 35A 2600mAh
  4. Istantanee iPhone

Vuoi avere jacee.us sul tuo smartphone o tablet? Scarica l'App dedicata (iOS e Android), potrai entrare nell'applicazione in modo sicuro grazie al riconoscimento . ulteriori informazioni su Credem Mr. Pin APP per privati. Scarica Credem Mr. Pin APP per privati direttamente sul tuo iPhone, iPad e iPod touch. Credem Mr. Pin APP per privati e famiglie è l'app gratuita dedicata ai clienti privati per l'autorizzazione delle operazioni dispositive effettuate tramite Internet e. Sostituzione batteria token, Forum Discussioni off-topic: commenti, su una calcolatrice od orologio digitale) perché la batteria è quasi scarica.

Nome: mister pin batteria scarica
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 61.80 MB

Leggi simili a: Batteria quasi sempre scarica Pag. Vi invito a prendere Il 24 settembre ieri ho dovuto sostenere un esame concorso Yanez me lo ricordavo e mi piaceva. Lo ricordavo interpretato da Philippe Partiamo con il mio abituale compagno Ho misurato con il tester ,e mi da 12,

Non vedo alcun modo per aprirlo.

E' un modello quasi identico a questo, cambiano solo il colore e lo "stile" dei numeri Io andrei in banca e riporterei il precedente oltre a farmene dare uno nuovo - al di là del fatto che credo che nominalmente sia roba loro e che quindi vada restituito a prescindere, c'è qualche probabilità che li mandino indietro dal produttore perché gli cambi la pila e lo "rimetta in circolo".

Sono fatti in modo da non essere apribili per evitare manomissioni.

Batteria Sony 18650 VTC5 30A 3.7v 2600mah senza pin

Quando si scarica lo butti. Se dentro ci metti una batteria, una persona che rispetta il pianeta, lo scrupolo di che fine farà quella batteria se lo pone. Sono arrivato ai fatidici 48V, le tacche erano al massimo e io soddisfatto. E' come se il sistema si fosse "resettato" adattandosi alla nuova tensione. Dopo il lavoro mi aspettavano 4 km di salita dura e non me la sono sentita: ho utilizzato l'assistenza a livello 2 e 3 fino a casa, mangiandomi le tre tacche fino ad arrivare a 46,8V.

E' possibile che si siano danneggiati durante la sotto-scarica e impediscano, forse per sicurezza, la ricarica? Fai una foto alle celle.!!! Barba, diciamo MAI stato Comunista.

Prova con il tester a misurare con il connettore staccato dalla scheda che resistenza ha. Nel caso, se quelle capocchie sono in serie al cavo potrebbero essere fusibili, quindi facili da testare.

Se sono in parallelo alle celle son condensatori, testabili con capacimetro. Il voltaggio si mantiene da ieri sera a 46,8V. Non so che fare, comincio a sentire la fatica dei giorni scorsi durante la ricarica in Regen, ho le gambe come due pezzi di legno. Se mi date l'OK ordino un caricatore 48V per procedere con la carica non bilanciata. Non so che caratteristiche dovrebbe avere voltaggio esatto, ecc.

Non puoi quindi caricarle senza il BMS. Barba, ma scusa, e dove sono i cavetti di bilanciamento che vanno alle celle? Come fa quel BMS a tenere sotto controllo i paralleli? Mister D, non so se l'hai scritto, ma quanti hanno ha la batteria.

FabioR6 ha scritto: Barba, ma scusa, e dove sono i cavetti di bilanciamento che vanno alle celle? Potresti anche avere un parallelo morto, e x questo il BMS non consente la carica. Pensa dove andresti con una 48v 19 Ah, fatta con le classiche 14s. Ultimi esperimenti con il caricabatterie Graupner Ultra Duo Plus direttamente sul cavo di potenza: - la scarica dai 48V avviene a 1,2 fino 1,5A, non oltre.

Buona giornata da Marco! Non vorrei che per qualche motivo progettuale abbiano spostato la parte di "potenza" del circuito di bilanciamento all'asterno e i giallini siano le resistenze di carico. Infatti sullo stampato non si vede la solita fila di resistenze, 1 per cella. Quindi per ipotesi sul circuito potrebbe esserci solo la parte di controllo che chiude a massa e i giallini potrebbero essere resistenze da 60 Ohm che genererebbero una corrente di bilanciamento assorbimento di circa milliamper.

Non bisogna assolutamente toglierli causa distruzione del BMS ma con tutto staccato si potrebbe forzare la carica a monte dei giallini, dal lato batteria per capirci. Dai Mister D fai la lettura resistiva dei componenti gialli e prova a ricaricare 1 cella prima del componente giallo e facci sapere.

Grazie Monket50z per il consiglio. Speriamo in bene!

Account Options

Quei cosi gialli son dei fusibili autoripristinanti, dal codice stampigliato sopra e dalla misura, azzarderei da 60mA, e potrebbero essere il motivo per cui non riesci a ricaricare dai fili di bilanciamento.

Sono ancora in attesa: non ho messo fretta a Renergize di Bolzano. In pratica dobbiamo utilizzare un amperometro per capire quanto la batteria "assorba" nella ricarica. Infatti, il BionX ha un circuito step-up incorporato nella scheda interna al contenitore della batteria che raddoppia la tensione del caricatore, cosa secondo me assolutamente priva di senso, siamo alla complicazione dell'inutile!!!

Ecco finalmente gli aggiornamenti: considerati i grossi problemi nell'elettronica del BMS Bionx ho abbandonato l'idea del ricellaggio.

Ho atteso un po' per vedere se in prezzi delle batterie Bionx 48V si abbassavano un po' e ho fatto bene. Del resto, considerata la cifra richiesta, non credo ne abbiano vendute molte. Con l'occasione ho ordinato anche il piccolo comando remoto che replica i tasti per variare l'assistenza e include anche il tasto del walk-assist.

Cosa fare?

Dopo una giornata di riflessione ho deciso: possedendo un piccolo banco fresa ad uso modellistico ho smontato la piastra e, incerto sull'esito dell'operazione, ho cominciato i lavori. Dopo ore di lavoro sono riuscito a creare i nuovi fori e la nuova apertura per la serratura spostata in basso di 4,7cm.

Ho segato la parte eccedente e, con lima a mano, ho rifinito il tutto. Ho dovuto anche scavare le nuove sedi delle viti svasate per non interferire con la piastra presente sulla batteria. Sono soddisfatto. Mi sono recato da Prestabici a Trento, negozio che prende il nome da una convenzione universitaria per il prestito di bici a lungo termine, che dispone di una ottima officina per bipe dotata di hardware e software per gli aggiornamenti Bionx.

Qui ho aggiornato il software dalla versione 5.

SONY Batteria VTC5A 35A 2600mAh

Altro aspetto: i pedali NON tendono a ruotare durante il walk. Questo viene comunque solo ritardato e non evitato. Il consumo? Sul misto la percorrenza di Km dichiarata credo sia reale. Da premettere che quelle batterie biox a mio avviso sono una vera ciofeca. Ne ho riparate a decine per un negozio rivenditore bionx che le avrebbe buttate da li a poco stesso tuo problema identico ma moltiplicato per x 50 batterie!!

Da li carica normalmente ricollegando scheda ed utilizzando il suo charger Grazie del resoconto. Alla fine si sono arresi anche i professionisti del ricellaggio, un'elettronica veramente tosta Un bel salasso ma almeno hai salvato la bici che da quanto ho letto ti soddisfa.

Ciao Ciao. Arrivato in cima ho avuto una mancanza totale di assistenza di solito con il surriscaldamento si ha solo un taglio, non una mancanza totale. Dopo qualche minuto di riposo guardando il bel panorama di Trento dall'alto ho cominciato la discesa in Regen "-4" che funzionava anche troppo bene: dovevo addirittura pedalare con forza per non fermarmi nella discesona ripida, poi "tak", sistema senza frenata e discesa libera con frenata solo di pinze idrauliche.

Ho avuto in prestito da un meccanico una motoruota 36V CanBus compatibile con il sistema 48V e tutto funziona: la ruota viene riconosciuta, non vi sono messaggi di errore e spinta e regen sono perfetti. Insomma, mi aspetta un bel lavoro, considerato che dopo la spesa della batteria Euro non posso abbandonare tutto.

Raggiare il motore su cerchio 26" oppure convertire tutto in Trekking con ruote 28" e gomme ribassate che entrano bene anche nella forcella anteriore senza modifiche? Ciao Mister D , cavolo una bella sfortuna Ti faccio i miei migliori auguri Dispiace leggere di una tale scalogna Ormai cerca di minizzare tutto Anch'io sono refrattario al massimo ai sistemi proprietari Sento sempre parlare di hub che si surriscaldano in salita Ultimi aggiornamenti: dopo aver escluso l'acquisto di una motoruota nuova Euro e non volendo buttar via i Euro della batteria da poco acquistata 48V 11,6A mi sono messo alla ricerca di un usato.

Buttar via altri o Euro per una ruota "forse" funzionante era escluso. Dopo lunga ricerca ho trovato quello che cercavo: bipa nuova con motore Bionx 36V di alcuni anni fa credo e con batteria "auto-collassata" alcuni anni fa, quindi invendibile. Fatto sta che sono impazzito per trovare una soluzione: non solo ho dovuto cercare una officina che mi rifacesse i fori su un disco standard in acciaio durissimo, ma era necessario spessorare di 12mm per raggiungere la pinza del freno.

Esteticamente saranno perfetti, ma anche le boccole e il disco forato "artigianalmente" fanno il loro lavoro. Complimenti per la costanza nella ricerca di una soluzione e per il lavoro effettuato Unica critica grossa , togli gli spessori da sotto il freno a disco, se fai una frenata violenta hai una flessione delle viti incontrollabile, si possono anche strappare!!!

Istantanee iPhone

Fai fare al tornio uno spessore unico con sei fori, magari in Ergal e togli quelle schifezze!!! Barba 49 ha scritto: Fai fare al tornio uno spessore unico con sei fori, magari in Ergal e togli quelle schifezze!!! Appena arriva lo monto subito. Grazie Barba per l'avvertimento! Bene, sei stato previdente!!! Nonostante il destino incerto di Bionx almeno quello della casa madre canadese il sistema mi piace ancora e continuo ad utilizzarlo. Ho ormai raggiunto i Km con il motore grigio 36V smontato dalla Diamant acquistata per poco e utilizzato sulla mia Focus Jarifa a 48V.

Il motore originale a 48V di colore nero e siglato HT high torque si era rotto all'improvviso. Periodicamente spruzzavo dal lato dei cavi una abbondante dose di WD Qualche giorno fa ho allestito una bici della Cinelli in acciaio, modello Bootleg, che uso solitamente in muscolare, con dei pezzi dei recupero acquistati tempo fa slitta porta-batteria e consolle G2. Ho installato la ruota rotta e ho provato ad accendere. Viene riconosciuta normalmente. Finora funziona. Forse che l'iniezione massiva di WD abbia avuto qualche effetto sul misterioso componente danneggiato?

Penso allo stock di motori Bionx D con cuscinetto grippato dell'amico di Barba: potrebbero avere qualche beneficio da un trattamento simile? MisterD: Purtroppo i cuscinetti presnti nei BionX ultimo tipo sono irraggiungibili dall'esterno motore impermeabile e doppi cuscinetti per ogni lato e comunque sono a doppia schermatura, quindi il WD40 non riuscirebbe ad entrare nelle sfere Chiudi Finestra.