Valutazione del rischio scariche atmosferiche


La guida definisce la procedura per la valutazione del rischio di fulminazione di una struttura e le modalità di svolgimento delle verifiche. La valutazione del rischio di fulminazione è stata effettuata ai sensi della normativa italiana vigente: . jacee.us 9 aprile , n. 81, "Attuazione. Indirizzata principalmente ai professionisti del settore verifiche su impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, dove sono descritte le. Protezione contro i fulmini: nuova pubblicazione dell'INAIL per la Valutazione del Rischio scariche atmosferiche - approfondimento Sicurezza.

Nome: valutazione del rischio scariche atmosferiche
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 55.48 Megabytes

La valutazione del Rischio da Scariche Atmosferiche è un obbligo derivante dal D. Quale procedura deve essere seguita per verificare se un impianto è autoprotetto? Se, a seguito di tale valutazione, risulta che il rischio da fulminazione sia inferiore al rischio tollerabile ammesso, non sono necessarie particolari protezioni impianto autoprotetto.

Chi è in possesso di una valutazione effettuata secondo la normativa precedente è esonerato dalla nuova normativa? Secondo quanto previsto nella norma tecnica EN e successiva variante V1, la valutazione del rischio di fulminazione secondo la nuova norma deve essere rifatta anche se si era già effettuata una valutazione del rischio secondo la precedente norma CEI

Nel dettaglio il corpo normativo è costituito dalle seguenti parti: EN "Protezione contro i fulmini. Principi generali".

Contiene le informazioni relative al pericolo da fulmine, alle caratteristiche del fulmine ed ai parametri significativi per la simulazione degli effetti prodotti dai fulmini. EN "Protezione contro i fulmini.

Valutazione del rischio". La valutazione si basa su un'analisi dei rischi stessi al fine di stabilire per prima cosa la necessità di protezione contro i fulmini.

Viene stabilita la misura di protezione ottimale dal punto di vista tecnico ed economico.

Infine viene determinato il rischio residuo rimanente. Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone".

Tratta della protezione di edifici e persone dai danni materiai e dal pericolo di morte, che potrebbero essere causate dall'effetto della corrente di fulmine oppure da scariche pericolose. Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture".

Rischio di fulminazione

La valutazione del Rischio da Scariche Atmosferiche è un obbligo derivante dal D. Quale procedura deve essere seguita per verificare se un impianto è autoprotetto? Se, a seguito di tale valutazione, risulta che il rischio da fulminazione sia inferiore al rischio tollerabile ammesso, non sono necessarie particolari protezioni impianto autoprotetto.

Chi è in possesso di una valutazione effettuata secondo la normativa precedente è esonerato dalla nuova normativa? Secondo quanto previsto nella norma tecnica EN e successiva variante V1, la valutazione del rischio di fulminazione secondo la nuova norma deve essere rifatta anche se si era già effettuata una valutazione del rischio secondo la precedente norma CEI