Partita iva regime minimi cosa posso scaricare


  1. I più letti
  2. Regime dei Minimi: Cosa posso scaricare?
  3. Tag: spese scaricabili
  4. Partita Iva agevolata: come fare per non perdere le detrazioni casa

Iniziamo questa guida, precisando che le indicazioni di seguito si riferiscono al regime dei minimi con aliquota al 5% e non al nuovo regime dei minimi forfettario . fonte: jacee.us Una delle domande più frequenti che riceviamo dai nostri lettori, riguarda questo . Cosa posso “scaricare” nel regime forfettario A differenza del regime dei minimi, nel regime forfettario non è possibile dedurre nessun costo. Partita IVA: breve panoramica su deduzioni e detrazioni per ordinario, al regime semplificato ed al vecchio regime dei minimi ancora in vita.

Nome: partita iva regime minimi cosa posso scaricare
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 25.40 Megabytes

I principi su cui si basa la deducibilità delle spese spese detraibili in un'attività commerciale, in sede di dichiarazione dei redditi, sono essenzialmente 2 : l'inerenza e la congruità. Mentre l'inerenza delle singole voci di spesa va intesa nel suo significato di " appartenenza " fra la natura delle spese sostenute e quella specifica dell'attività commerciale, la congruità deve rispondere ad un criterio in base al quale fra l'importo di quelle somme e quello del ricavo previsto esista una "correlazione": il che sta a significare che tale importo deve essere economicamente giustificato e cioè, appunto, congruo.

Per questa operazione si puo' usare un software come LibertyCommerce che con la sua gestione contabile accurata e una precisa gestione del magazzino Vi puo' aiutare in questa importante funzione.

Com'è noto, il reddito di un'attività commerciale viene definito in base alla classica differenza fra ricavi e costi. Al contrario, ad esempio, di un professionista, il cui reddito al netto delle deduzioni è rappresentato dalla totalità delle sue entrate, in un esercizio commerciale tale tipologia di reddito è rappresentato dalla differenza fra le vendite e gli acquisti.

L'acquisto dei beni che verranno commercializzati, in pratica, concorre alla formazione di costi la cui natura è in una "correlazione" perfetta con quella dell'attività tali costi risultano, ovviamente, dalle fatture d'acquisto. A questo proposito va detto che l'attività commerciale potrà scaricare l'IVA della merce acquistata, ma nello stesso momento dovrà versare allo Stato quella della merce venduta.

Sono quindi da leggersi positivamente i bassissimi tassi di interesse per le rateizzazioni col fisco e i risibili importi delle sanzioni per regolarizzare pagamenti effettuati oltre scadenza il c. Si cercherà quindi di fare chiarezza anche con esempi numerici su come si calcolano le imposte da pagare e quali siano le spese o gli oneri che legittimamente possono ridurre il proprio reddito fiscale.

In sintesi, tralasciando volutamente particolari regimi contabili agevolati ad esempio regime dei minimi e regime forfettario , il processo è riportato in tabella 1. I principali sono:. Sottratti gli oneri deducibili dal reddito complessivo formato dalla somma delle varie categorie di reddito si ottiene il reddito netto.

Questo sarà tassato ai fini I. Vista la complessità del tema, riportiamo ora un esempio numerico ipotizzato sulla posizione di un odontoiatra con:. Sapere, quindi, quali siano gli oneri deducibili e detraibili con i loro limiti fiscali e dei meccanismi di deduzione e detrazione , assume grande rilevanza per cercare di diminuire il più possibile gli esborsi per le imposte. LOG IN. Log into your account.

E' intenzionato a cedere la partecipazione. Buongiorno, avrei una domanda da sottoporle. La mia domanda è : avrei diritto alla deducibilità del costo della stessa, e se si come farei a dimostrare l'acquisto, visto che i privati non emettono fattura? Salve, sono un geologo di 34 anni e dal ho aperto la p. Iva con il regime dei minimi. Da quest'anno dovrei poter accedere al regime dei superminimi. Se possibile vorrei avere delucidazioni riguardo al caricamento in contabilità di una automobile già di mia proprietà prima dell'apertura della p.

Iva, esattamente nell'anno Potrebbe dirmi se è corretto procedere con la redazione di un documento da me stesso creato e firmato con il quale si mette a disposizione dell'attività in maniera promiscua l'auto in questione al valore di mercato relativo al momento in cui la si "cede"??? Se fosse sbagliato, come potrei procedere per evitare di acquistare una nuova auto?? Grazie in anticipo per la risposta. Gentile Ragioniere, pur comprendendo il periodo d'intenso lavoro, spero che lei possa dare risposta ad un mio piccolo quesito.

Sono già in possesso di diverse materie prime e di prodotti finiti: come valorizzarli a magazzino o imputarli a costo per il primo anno di esercizio? Con un'autofattura o in altro modo? Grazie fin d'ora dell'attenzione. Cordiali saluti. Ho un grande dubbio che mi assale. Aprile apertura p. E' corretto? In questo caso Lei è nella situazione inversa , nel senso che non avrebbe potuto iniziare una attività con partita iva applicando il regime dei minimi se avesse prima già svolto la medesima attività sotto forma di lavoro dipendente.

Nel suo caso non ravviso cause ostative in quanto il regime dei minimi come professionista è antecedente al lavoro dipendente e non il contrario. Ma precauzionalmente, per ridurre al minimo eventuali contestazioni future del Fisco, è meglio che ne deduca una percentuale minore calcolata in rapporto alla effettiva superficie utilizzata per svolgere l'attività professionale rispetto alla superficie totale dell'appartamento.

Il concetto è che, chi svolge una attività professionale applica il criterio di cassa in ogni caso minimo o non minimo in quanto professionista, se l'attività svolta è d'impresa commerciale o artigina il criterio normale di deduzione dei costi è quello di competenza, ma per il periodo in cui si rientra nel regime dei minimi si applica eccezionalmente il criterio di cassa come i professionisti anche se l'attività svolta non è professionale.

In ogni caso non potrà applicare il regime dei minimi. Le perdite realizzate nell'esercizio di attività di lavoro autonomo professionale possono essere portate in diminuzione dei redditi derivanti dalle diverse categorie di redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo. Viene quindi preclusa la possibilità del riporto della perdita eccedente negli esercizi successivi.

Oltretutto tale attività con partita iva non deve essere mera prosecuzione dell'attività svolta come dipendente. Terminati i cinque anni rientrerebbe poi nel regime degli "ex minimi" con assoggettamento agli studi di settore con dei ricavi minimi da dover sempre rispettare per essere congrui e non avere problemi con il Fisco. L'attività di lavoro dipendente è comunque sempre più tranquilla se non sono previste problematiche di futuri licenziamenti o cassa integrazione e i contributi versati dal datore di lavoro permettono di maturare una pensione sicuramente più alta che quella che maturerebbe come professionista o artigiano o commerciante.

Salve, avrei bisogno di un'informazione: in caso di partita iva con contribuzione dei minimi e con un reddito di mettiamo Buongiorno, ho recentemente aperto una Partita Iva con il nuovo regime dei minimi per esercitare la mia attività artistica di DJ. Ho letto nel Suo dettagliato articolo che il nuovo regime dei minimi è soggetto agli studi di settore al contrario degli ex. Questo cosa comporta per la mia attività dal momento che non ho ancora un volume d'affari certo e quali sono gli adempimenti?

Quindi mi sembra sia esattamente il contrario di quello che mi dice di aver letto sul mio articolo. Mi dia riscontro se in punto dell'articolo, erroneamente, è riportato che i nuovi minimi sono soggetti agli studi di settore in quanto, non essendo corretto, provvedo alla rettifica immediata. Attendo un suo cortese riscontro Grazie Cordiali saluti.

Buongiorno, ho da poco iniziato la mia attività di artista avvalendomi del nuovo regime dei minimi. Salve, sono una commerciante ambulante e applico il regime dei minimi, vorrei chiedere se in caso di bisogno di aiuto posso usufruire delle prestazioni occasionali di mio marito studente pagandolo con i voucher? Preciso che al momento mio marito ha la residenza diversa dalla mia quindi non siamo nello stesso stato di famiglia.

Ringrazio in anticipo. Buonasera, sono in procinto di aprire la partita iva come consulente commerciale e traduttore. Inoltre, vorrei sapere se aprendo la p. Grazie mille!!! Cordiali Saluti. Inoltre da alcuni mesi sono diventato anche dipendente e non saprei se mantenere la partita iva aperta in quanto fatturo circa 2.

Mi sembrerebbe assurdo, eventualmente, entrare nei studi di settore e pagare forfettariamente cifre assurde. Vi ringrazio per l'eventuale risposta e distinti saluti. Buon pomeriggio, sto per aprire la partita IVA per la libera professione come Dietista. Intendo poi svolgere in minima parte, l'attività in una città diversa anche diversa regione.

Questo è fattibile? Ed in tal caso, le spese relative al viaggio per raggiungere e tornare l'altra città sono detraibili? Buon pomeriggio, In merito ai requisiti per aderire al regime dei nuovi minimi, chiedo che mi venga chiarito un dubbio: si dice che chi vuole aderire al regime dei nuovi minimi non deve aver esercitato, negli ultimi tre anni, attività artistica, professionale Poi si dice che la nuova attività non deve essere mera prosecuzione di una precedente attività svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo Trovo in queste affermazioni alcune contraddizioni: se sono nel regime dei minimi sin dal marzo e continuo la stessa attività quindi negli ultimi tre anni ho svolto attività professionale, e l'attività, oggi, è identica a quella del , quindi sarebbe mera prosecuzione posso entrare nei nuovi minimi beninteso, permanendo i requisiti reddituali?

Chiaritemi voi le idee. Iva ai regimi minimi come consulente restando sotto il tetto dei La ringrazio anticipatamente. Salve, vorrei sapere se svolgendo attività dipendente a tempo indeterminato come impiegato amministrativo, posso aprire la partita Iva con il regime dei minimi come professionista svolgendo lavoro diverso rispetto a quello fatto nella mia azienda.

Salve, nel ho aperto P. IVA con l'ex regime dei minimi. Collaboro con aziende in alcune delle quali ho una postazione Pc. Buongiorno, sto per avviare un'attività di chef a domicilio in contemporanea al mio lavoro principale come dipendendente a tempo determinato dai 9 agli 11 mesi l'anno , vorrei pertanto aprire una P. Iva e aderire al regime dei minimi. Se non ho capito male in questo caso non è necessaria nessuna integrazione della posizione INPS che già posseggo come dipendente.

La ringrazio anticipatamente per la cortesia. Salve, avrei un dubbio. Sono un contribuente minimo, compilo da solo il modello unico e per la determinazione del reddito imponibile secondo il principio di cassa applico la logica ricavi - spese. Pagando il primo acconto entro il 9 luglio contestualmente ai contriburi ed il secondo entro il 30 ottobre?

Inoltre il regime dei minimi non contempla acconti per l'Irpef? Grazie infinite, saluti. Il mio commercialista a febbraio mi ha informato che da gennaio le cose sono cambiate e il traduttore è entrato a far parte della categoria merceologica "commercianti e artigiani" per cui dovrei aprire una partita Iva normale.

Mentre fino a dicembre il traduttore faceva parte della categoria "non classificabile altrimenti". La ringrazio anticipatamente Saluti. Buongiorno, complimenti per tutte le rispose chiare, precise e complete! Vorrei sapere se un libero professionista, che ha aperto la p. Grazie mille! Cordiali saluti Daniela. Salve, complimenti per la competenza! Il costo dell'acquisto ed il ricavo della vendita come devono essere considerati ai fini del calcolo del reddito?

La ringrazio e resto in attesa. Ho aperto p. Nei tre anni antecedenti il ho svolto dapprima tirocinio professionale per l'abilitazione alla professione e poi sono stata assunta come addetta paghe, rapporto di lavoro che si è concluso con licenziamento per giustificato motivo soggettivo assenza ingiustificata.

Appena terminato il rapporto il mio ex-datore mi chiede di collaborare con lui per la gestione di una pratica. Dunque la mia prima fattura a Marzo è emessa nei confronti del mio ex-datore.

Preciso che dopo la prima fattura nei confronti del mio ex-datore tutte le altre le ho emesse verso clienti di altri paesi mi sono trasferita a Milano per cui ho cambiato clienti, mezzi e organizzazione.

Molte Grazie.. Buongiorno a tutti, sono pensionato INPS dall'agosto del ; a ottobre dello stesso anno ho aperto partita IVA in regime agevolato per le nuove iniziative aziendali; ho chiuso la partita IVA nel dicembre , essendo stato assunto a tempo determinato come insegnante. Oggi vorrei riaprire la partita IVA: posso godere del regime agevolato per minimi contribuenti ? Tale ricevuta dovrà contenere il prezzo di vendita senza iva Lei come soggetto privato non applica iva quando vende a terzi un bene , rappresentato dal valore normale di tale auto.

Per valore normale si intende il valore che attualmente l'auto ha sul mercato in caso di vendita come usato. Buongiorno, vorrei sapere se sono obbligata alla dichiarazione dei redditi.

Ho adottato il regime dei minimi nel luglio , i costi inerenti l'attività sono di gran lunga inferiori ai ricavi. Distinti saluti. Eventualmente dovrebbe coincidere con la sede operativa?

Dove potrei stabilire la sede legale considerata un'azienda in start up con locale unico disponibile adibito esclusivamente ad esposizione? Ringraziandola in anticipo per qualsiasi delucidazione volesse fornire, Cordialmente Emiliano Tarquini. Buongiorno, sono un lavoratore a tempo indeterminato e vorrei aprire la PI in regime dei minimi per portare avanti un secondo lavoro.

Ho due quesiti da porVi: 1 E' possibile avere un solo committente dei lavori ovvero emettere fatture ad un unico soggetto fiscale? Il reddito derivante da questo lavoro sarebbe comunque inferiore a quello che percepisco come dipendente, quindi sarebbe facile dimostrare la natura di secondo lavoro. Il motivo della mono committenza sta nel tempo da dedicare all'impresa, che non è molto e concentrando le forze su un unico soggetto è possibile ottenere risultati.

Naturalmente conservando le agevolazione ed il "tempo restante" dei cinque anni concessi. Confido in una vostra cortese risposta.

I più letti

Grazie e cordiali saluti. Io ricevo solo fatture da un cliente europeo e non incasso IVA, ma se supero il plafond dei Sarebbe assurdo. Questo non si evince dall'articolo. Grazie in anticipo per qualsiasi chiarimento. Sono dipendente di un'azienda privata ed avrei intenzione di avviare un'attività di traduttrice in proprio. Molte imprese richiedono la P. IVA per tali prestazioni, specie le aziende estere: è possibile applicare al mio caso il regime de minimi, considerando il fatto che per le sole traduzioni non penso di superare i 15 euro?

Attualmente ho 43 anni e la professione autonoma sarebbe la mia attività secondaria. Un minimo che nel passa al regime semplificato mantenendo comunque il principio di cassa come si deve comportare per le fatture emesse nel ma incassate solo nel ?

Grazie Daniele. Salve, sto aprendo un asilo nido e ho aperto partita Iva, trattandosi di ditta individuale. Grazie mille Francesca. Salve, sono una giovane odontoiatra che ha aperto p. Ho aperto una nuova p. Posso usufruire del regime fiscale agevolato? Salve, sono un dipendente a tempo indeterminato ed ho i requisiti per aprire partita iva con il nuovo regime dei minimi Volevo conoscere tutte le spese del caso.

In particolare vorrei sapere se devo pagare l'apertura della posizione Inps anche se sono gia' un dipendente a tempo indeterminato. Buongiorno, sono un lavoratore dipendente a tempo indeterminato di 28 anni il quale possiede i requisiti per l'apertura della partita iva in regime dei minimi Mi piacerebbe conoscere le relative spese di apertura.

In particolare, vorrei sapere se e' necessario che io paghi l'apertura della posizione INPS anche se sono lavoratore a tempo indeterminato.

Vi ringrazio! Buongiorno Avvocato, a gennaio sono passata al regime degli ex minimi. Sono archeologa e vengo pagata a giornata lavorativa. Ho dei dubbi sulla emissione delle fatture.

Ho ricevuto due proposte differenti: -la prima di 81,25 euro giornaliere al lordo di ritenuta di legge ed al netto di IVA ed eventuali oneri previdenziali per titolari di P. Come le fatturo? C'è differenza? Grazie per la disponibilità. Buongiorno, sono contribuente minimo da settembre A giugno compio 35 anni. Ho ancora diritto ai minimi per 5 anni, oppure al compimento dei 35 ho perso questo diritto?

Sono confusa!! Grazie dell'assistenza. Mi perdoni, ma quando si dice "non deve avere dipendenti o collaboratori a progetto" si intendono anche collaborazioni effettuate con prestazioni occasionali? Buongiorno, Sono un 57enne dirigente d'azienda ormai da dodici anni, ingegnere libero professionista con partita iva, iscritto ad Inarcassa presso la quale ho ricongiunto tutti i contributi previdenziali delle Casse precedenti, con reddito in caduta libera dai circa 70 keuro mediamente incassati fino a due anni fa, agli attuali 12 keuro del , con previsione ottimistica di non superare i 15 keuro per l'attuale anno e per gli anni a venire.

Buongiorno, ho urgenza di sapere se sono obbligata a fare la dichiarazione dei redditi; Ho aperto la partita IVA nel luglio adottando il regime dei contribuenti minimi. Grazie infinite!! Buongiorno a tutti, sono libero professionista con la partita iva in regime dei minimi ed ho alcune domande, relative alle spese deducibili: -Anche i liberi professionisti possono acquistare per se stessi i ticket restaurant? E in che percentuale? Vi ringrazio se avrete la gentilezza di rispondere. Salve, sono una ragazza di 25 anni che si sta addentrando nel mondo dei minimi come professionista.

In attesa di riscontro, saluto e ringrazio anticipatamente. Salve, sono socio di una SRL costituita ad Aprile. Per errore di valutazione economica dal 21 giugno sono stato assunto come dipendente della stessa, tuttavia non riusciamo a sostenere il costo del lavoro.

Stavo pensando di dimettermi, aprire una p. Ho i requisiti per farlo? Grazie per la disponibilità! Salve, vorrei aprire partita iva per intraprendere una nuova attività che non ho mai fatto in passato. Vorrei sapere se posso aderire al regime dei minimi o la mia età me lo preclude.

Le fatture emesse nel e non incassate nel ma nel concorrono ai ricavi Questultima recita " Quindi, l'estensione dall'1. Studio Cason Villa, innanzitutto vorrei ringraziarVi per la Vostra disponibilità e per la competenza e la celerità delle risposte! Siete dei grandi professionisti!!! Veniamo alle domande da porvi: 1 L'apertura di partiva iva nel mese di maggio al regime dei minimi è soggetta naturalmente al reddito dei Salve, chiederei un chiarimento sul limite dei euro per i minimi.

E' il lordo delle fatture emesse o il valore ottenuto detraendo i costi sostenuti per l'attività? Buongiorno, complimenti per la professionalità! Riuscite a coniugare la professionalità con la chiarezza, cosa non sempre facile data la materia che trattate. Sono un dipendente pubblico full time ed a tempo indeterminato: vorrei restaurare, con demolizione e fedele ricostruzione, in quanto danneggiata dal terremoto, una abitazione adiacente a quella dove risiedo, affrontando un mutuo considerevole.

Vorrei aprire la partita IVA previa autorizzazione dell'Ente da cui dipendo nel regime di vantaggio ex minimi. Questa negatività posso portarmela in proporzione anche per gli anni successivi? E' previsto un credito d'imposta da chiedere a rimborso o da utilizzare per gli anni successivi?

Grazie dell'aiuto. Buongiorno, grazie per le informazioni.

Regime dei Minimi: Cosa posso scaricare?

Mi occupo di arti grafiche e plastiche e vorrei sapere se con il regime dei minimi posso fatturare all'estero, in particolare in Francia. Grazie, Viola. In tal modo si otterrà sempre una plusvalenza rappresentata dal prezzo di vendita esposto in fattura cioè un ricavo tassabile. Un saluto. Buongiorno, sono libero professionista nel regime dei minimi. Sto valutando la possibilità di accettare un contratto da dipendente stessa professione-attività-mansione ma vorrei capire se lo stipendio da dipendente concorre in qualche modo al raggiungimento della soglia dei Grazie, Marco.

Unica spesa lo spostamento con l'automobile in tutta la provincia. Buongiorno, nel ero entrata a far parte del regime dei minimi ed avrei potuto usufruirne fino al , se non che oggi mi dicono che, dato che i primi mesi del ho fatto parte di una impresa familiare, non ho più i requisiti per poter rimanere in regime.

Grazie per la sua competente risposta, cordialità, Angela. Tale comportamento, peraltro, sarebbe più giustificato per un contribuente che vuole cessare la partita iva entro il Nel suo caso specifico non capisco perchè ha cessato la partita iva al Cambiare regime contabile da minimo a semplificato non implica chiudere e riaprire la partita iva, ma basta, in costanza di partita iva, cambiare solo nei fatti il regime contabile applicabile.

Se Lei ha un dipendente nel vuol dire che ha continuato l'attività nel e quindi in tale caso potrebbe anche considerare il ricavo di quella fattura come ricavo da inserire nel quadro RG reddito d'impresa o RE reddito professionale del modello unico per il La mia domanda riguarda la maggiore spesa detraibile, ovvero la benzina. In famiglia abbiamo due automobili, entrambe intestate a mio marito. Io potrei detrarre ugualmente le spese carburante, se utilizzo un mezzo non intestato a me ma al mio coniuge?

La ringrazio per la cortesia! Buongiorno, volevo chiederle delucidazioni su questo punto: "2. Nel frattempo ho passato l'esame di stato e nel ho aperto un'altra partita iva come architetto, lavorando per un altro studio e non avendo più alcun tipo di contatto lavorativo col precedente. Ricado nella casistica sopracitata o posso applicare il regime dei nuovi contribuenti minimi? Buongiorno, complimenti per il sito! Volevo porvi un quesito: sono un infermiere libero professionista nel nuovo regime dei minimi, ho intenzione di costituire uno studio associato tra colleghi, la mia domanda è se posso rimanere in tale regime facendo parte di uno studio associato.

Vi ringrazio anticipatamente per la risposta che mi darete. Molte Grazie!

Tag: spese scaricabili

Buongiorno, sarei molto grato di poter ricevere risposta al mio quesito del Vorrei aprire la p. Non ho ben capito l'ammontare dei contributi previdenziali INPS. Qual è la percentuale esatta? Gentilissimo, volevo chiedere informazioni su una cessione d'azienda:questa comprende E. Fiduciosa in una Sua risposta, Le porgo i miei più cordiali saluti. Buongiorno, sono un ex manutentore poligrafico in pensione da un mese e mi è stato proposto di aprire una p.

Vi ringrazio anticipatamente e vi saluto. Sono un pensionato ex inpdap dal , nel febbraio ho aperto una partita iva semplificata come contribuente minimo in quanto opero nel settore della sicurezza e svolgo delle consulenze per conto di un istituto di vigilanza e fatturo mediamente 6.

Carlo Alberto. Complimenti, bellissimo articolo! Sarei molto contento se potessi avere delucidazioni in merito. Grazie, Alessandro. Complimenti davvero per l'articolo! Solo un dubbio rimane aperto dalla lettura dello stesso, e cioè: apertura p.

Socio e co-amministratore dei srl non trasparente senza compenso dal Questa condizione costringe alla fuoriuscita dal ? Cioè, essere socio amministratore, nella nuova formulazione, è considerato aver esercitato attività d'impresa nei 3 anni precedenti precedenti al ? Sarei grato se potessi avere delucidazione in merito. Buonasera, ho il caso di una dottoressa, la quale col Inoltre, dovendo acquistare un auto nuova che mi serve per il lavoro, mi conviene acquistarla questo anno che sono ancora nei minimi oppure aspettare l'anno nuovo?

Grazie immensamente per esserci. Saluti a tutti! Sto aprendo una partita iva ma non riesco a capire se posso avere diritto al regime dei minimi. Attualmente sono socio e consigliere di una srl composta da tre soci.

Nello statuto io ho la gestione ordinaria di 1 punto vendita. Nel non ho ricevuto compensi perchè la società non poteva permetterselo.

Ho la possibilità di aprire la partita IVA con il regime dei minimi? Grazie Stefano.

Partita Iva agevolata: come fare per non perdere le detrazioni casa

Innanzitutto, volevo fare i miei complimenti per il servizio che date. Volevo sottoporvi il mio problema: nel ho aperto p. Nel ho riaperto p. Aspetto vostra cortese risposta. Grazie, Carlo.

Buongiorno, ho 37 anni, sono dipendente in un'azienda di grafica pubblicitaria, nel settore web e siti internet, con contratto e regolare stipendio, ora vorrei aprire una partita iva a reddito minimo, per lavori occasionali per realizzazione siti internet e servizi di hosting a privati ed aziende con un reddito annuo massimo di euro circa come detto in questo articolo da Lei scritto, ma il mio commercialista dice che non è possibile farlo, in quanto ho superato i 35 anni, ma leggendo il suo articolo se non ho capito male, potrei aprirla per una durata massima di 5 anni, è corretto?

Per quale motivo il mio commercialista dice che non posso farlo? Quando glielo chiedo mi risponde che ci sono nuove restrizioni da pochissimo tempo, ma non riesco a trovare nessuna informazione a riguardo. E' vero? Grazie mille e buona giornata! Salve, ho un dubbio che non riesco a risolvere neanche con il commercialista.

Posso dichiarare come spesa una spesa effettiva della quale non ho fattura? Il caso specifico è il pagamento di una commissione a un artista per la stampa di una sua immagine. E' difficile che gli artisti abbiano una partita iva e emettano fattura ma chiaramente io dovrei dovendo vendere la stampa dell'immagine pagargli una commissione. Grazie della preziosa risposta. Buongiorno, approfitto della Vostra cortesia per porre un quesito.

Mio figlio che attualmente lavora con un cocopro desidererebbe aprire partita IVA col regime dei minimi. E' geometra NON iscritto all'albo con un ulteriore diploma di alta specializzazione triennale di grafico e designer. Domanda: con partita IVA in regime dei "minimi" e senza iscrizione ad un collegio o albo quanto dovrebbe obbligatoriamente pagare il giovane all'INPS di contributi previdenziali, il 26,7 percento, altro o nulla?

Qual è la norma o circolare di riferimento che regola la materia? Grazie per la cortese risposta. Grazie per esserci innanzitutto!

C'è un escabotage legale ovviamente che mi consenta di poter continuare a lavorare e non di dovermi fermare in attesa del nuovo anno per ripartire col regime ordinario?

Dovendo poi acquistare una nuova auto, strumentio di lavoro per me essenziale, mi conviene acquistarla questo anno oppure attendere il nuovo anno? Grazie ancora ed un cordiale saluto. Buonasera, La ringrazio di tutte le informazioni presenti in questo suo blog! Vorrei farle una domanda, dovuta più che altro ad un commercialista poco chiaro e alla mia ignoranza in materia di denuncia dei redditi.

Lavoro da 3 anni come libero professionista traduttrice e da quest'anno rientro nel regime dei minimi Volevo chiederLe se le spese sostenute quest'anno trasferte, treno, vitto, telefono sono da detrarre dall'imponibile prima o dopo il calcolo dei contributi previdenziali. Grazie Elisa. Buongiorno, i miei complimenti per la cura delle informazioni! Avrei delle dubbi circa la gestione del regime dei minimi al quale sono iscritto da quest'anno: -inizio attività il 22 aprile, come calcolo la porzione di reddito massimo per restare nei minimi in base all'effettivo periodo di esercizio rispetto all'anno completo?

Come gestisco questo ammontare? Va dichiarato a parte o si aggiunge al reddito dei minimi? In banca mi dicono che posso pagare anche da loro. Vi ringrazio anticipatamente! Buongiorno, Le chiedo gentilmente delucidazioni su quanto di seguito.

Sono un lavoratore dipendente con contratto a tempo indeterminato 40 ore. L'attività prevalente sotto il profilo del tempo impiegato è quella di lavoro dipendente. Voglio aprire la P. Devo indicare codici Ateco differenti per i due siti? Se si quali? Cambia qualche cosa se apriamo la P.

IVA insieme o conviene aprirla a nome di uno solo? Grazie Claudio.

Sono un lavoratore dipendente ed intendo avviare una nuova attività come libero professionista, da tenere per il momento come seconda occupazione. Non so ancora quale potrà essere il mio volume d'affari nei primi anni, per cui volevo chiedere qual'è, secondo voi, la formula giusta per iniziare l'attività. In un primo momento pensavo di sfruttare la formula della prestazione occasionale, ma non è applicabile ad attività intellettuali. Pertanto pensavo di aprire partita iva nel regime dei minimi; tuttavia vorrei sapere quali costi devo sostenere per mantenere aperta l'attività, e qual'è il guadagno minimo annuale che dovrei avere per coprire detti costi.

Vi ringrazio e vi faccio i complimenti per il blog. Buonasera, ho un'auto acquistata con Partita Iva. Sono un libero professionsta e nel ero un contribuente minimo. Ho anche un abbonamento ai mezzi pubblici che uso per andare a lavoro e che imputo nella mia contabilità Grazie Pietro. Buonasera, interessantissimo servizio che offrite!!! Ho dei dubbi sulla dichiarazione dei redditi.

Ho aderito al regime dei minimi e nel ho acquistato una autovettura che non ho, causa errore del commercialista, mai inserito come costo. Volevo sapere se fosse possibile inserirla quest'anno, oppure l'anno prossimo visto che dal sono passato al nuovo regime dei minimi. Grazie mille!!!! Buonasera, io e mio fratello, 20 anni io e lui 28 abbiamo aperto un P. Siamo una s. La ringrazio per il suo tempo.

Volevo sapere se posso rientrare nei minimi contribuenti per una nuova attività mai svolta precedentemente. Volevo capire se i Sono socio accomandante di una SAS ma non opero All interno della società. Attendo, Cordialmente Alessandro. Salve, sono uno studente straniero e vorrei sapere se posso aprire questo tipo di partita iva per fare uno stage retribuito?

Già che è molto probabile che le retribuzioni possano andare oltre i 5. Grazie per la vostra atenzione. Salve, sono stato dipendente di una società per circa 10 anni e da un anno sono in disoccupazione. La società per cui lavoravo mi ha chiesto di aprirmi un P. In questo tipo di partita iva posso poi fatturare alla società che sono stato precedentemente dipendente e poi stato licenziato?

Buonasera, con la presente vorrei chiedere se possibile un gentile chiarimento in merito alla deducibilità fiscale delle utenze domestiche.

Sono un professionista senza cassa in regime dei nuovi minimi, vivo attualmente in casa con i miei genitori e in sede di apertura della partita iva ho indicato tale casa come sede ove svolgo la mia attività. Buongiorno, grazie per le utili informazioni! Nel vorrei riaprire lo stesso tipo di attività, nella stessa città ma in un locale diverso. La ringrazio e saluto cordialmente Cinzia. Ho un contratto co co co per un azienda come amministratore mi capita sempre più spesso di fornire anche prestazioni occasionali per altre aziende, mi chiedo posso aprire p.

In caso di negatività posso coesistere la p. Grazie infinite per la risposta Gianluca. Buongiorno, Nel ho chiuso la ditta individuale settore commercio portandomi dietro un po' di debiti. Nel frattempo mi sono laureata e attualmente faccio l'infermiera presso una cooperativa sociale. Nel vorrei aprire p. E svolgere attivita' di infermiera da libero professionista. Mi chiedo se posso rientrare nel regimi dei minimi.

Grazie Cordiali Saluti. Dalla esposizione del suo quesito non riesco a capire se dal ha aperto la sua attività sotto forma di impresa familiare oppure oltre a svolgere la sua attività ha partecipato ad un'altra impresa familiare come collaboratore. Buongiorno, sono un fisioterapista con p.

Il mio commercialista inoltre non vorrebbe operare il passaggio ai nuovi minimi per paura di perdere le detrazioni per l'auto che ho acquistato nel a rate di 48 mesi, il suo timore è giustificato? Grazie mile! Dalla domanda mi sembra di capire che non ha l'iva in quanto applica il regime dei minimi. In questo caso il problema non si pone in quanto le aziende che ricevono le sue fatture possono comunque dedurre come costo l'importo totale delle fatture senza applicazione di iva da lei emesse.

L'importante è avere iniziato regolarmente l'attività professionale con apertura della partita iva e scelta di applicazione del regime dei minimi, se ne ricorrono tutti i presupposti.

Sarà necessario poi pagare i contributi previdenziali presso la propria cassa di previdenza previa iscrizione alla stessa o dopo essersi iscritto alla gestione separata Inps se per l'attività professionale da Lei svolta non è prevista cassa previdenza. Buona sera, vorrei sapere se con il regime dei minimi ho l'obligo di far tenere la mia contabilità da un ragioniere o posso gestirla personalmente? Non ha nessun obbligo di essere seguita da un professionista relativamente alla tenuta della contabilità.

Un professionista corretto, oltretutto, risponderebbe di eventuali errori da lui commessi in quanto coperto da assicurazione professionale. Buona sera, in questo gennaio , vorrei aprire la partita IVA con regime dei minimi. Nel suo caso potrà stare in tale regime per 5 anni. Agenzia Entrate n. Salve, vorrei avere un chiarimento sulla adesione e permanenza nel regime dei minimi.

Io ho aperto partita iva aderendo al nuovo regime dei minimi nell'aprile per svolgere attività clinica libero professionale come psicologa presso il mio studio privato.

Si poteva per caso già profilare una "mera prosecuzione" tale da impedirmi di accedere al regime agevolato? La seconda domanda riguarda la possibilità di restare nel regime agevolato anche per questo , dal momento che presso la cooperativa mi è stato proposto di trasformare il cocopro concluso a dicembre in contratto di prestazione d'opera professionale. Non so se possa essere conveniente il passaggio, soprattutto se rischio di perdere il regime agevolato potrei ancora usufruirne per diversi anni.

La circolare n.

Tale accertamento, che il contribuente deve cercare di effettuare, ha la finalità antielusiva di evitare che si continui, di fatto, ad esercitare una precedente attività, modificandone unicamente la veste giuridica in impresa o lavoro autonomo, al solo fine di godere delle agevolazioni tributarie previste dal nuovo regime. Nel caso i suoi precedenti rapporti di lavoro, sotto forma di collaborazione a progetto verso quella cooperativa e verso altri eventuali datori di lavoro , abbiano superato tale limite temporale le consiglio vivamente di non svolgere tale nuova attività nello stesso luogo e verso gli stessi clienti.

Una volta cessato il rapporto di lavoro con la vecchia cooperativa, eviterei di continuare a fatturare alla stessa in quanto non è escluso che il Fisco, in caso di accertamento, presuma un tacito accordo tra le parti al fine di usufruire delle agevolazioni tributarie. Salve complimenti per l'articolo.

Prima di proseguire con la mia domanda vorrei permettermi un appunto sul sito essendo un webdesigner. C'è un fastidioso effetto refresh della pagina mentre si legge o si scrive un domanda, non è il massimo in fase di lettura o scrittura. Io sono un freelance nell'ambito web. Ai miei clienti rilascio "fattura" con dicitura "prestazione occasionale" quindi di conseguenza applico la ritenuta di acconto.

Non supero i euro. Non avendo partita iva non ho neanche dei codci che identificano i miei servizi siccome come servizi io vorrei spaziare nel campo web, che ha comunque molte figure professionali, vorrei capire se posso avere più di un codice. Io la P. Esempio Groupon … il sito degli sconti. Io ho molta confusione in merito le tasse da pagare i contributi da versare, quello che non c'è nel regime dei minimi rispetto all'ordinaria dcc dcc il mio commercialista mi ha dato queste notizie … ma potrei aver capito male MAX La sua domanda è estremamente lunga e complessa per poterLe dare una risposta completa in questa sede.

Rispondo a quelle che ritengo possano essere utili anche ad altri. La sua attività ritengo possa essere inquadrata come attività di libero professionista.

Il lavoro autonomo è definito dall'art. Nel lavoro autonomo si distinguono due categorie corrispondenti alle prestazioni di tipo manuale e di quelle di tipo intellettuale. In quest'ultima categoria rientrano le libere professioni intellettuali. In sede di apertura di partita iva occorre scegliere e indicare un solo codice di attività che rappresenta l'attività principale che Lei andrà a svolgere ed eventualmente un secondo codice come altra attività secondaria che in genere deve essere abbastanza marginale rispetto alla prima.

La partita iva è sempre unica anche se le attività svolte sono più di una la prima da indicare sarà l'attività principale, l'altra rappresenterà l'attività secondaria. Se la sua vecchia partita iva è stata chiusa entro il